Crea sito

Pioggia estiva

Mia madre me lo avrà ripetuto non so quante volte: l’ombrello!  Sicuramente me l’avrà detto anche mentre preparavo le valigie. Ma è vero, non l’ascolto.

Stamattina mi sono svegliata con il rumore della pioggia e ovviamente ho subito realizzato di essere senza ombrello. Mentre bevevo il mio caffè, guardavo fuori dalla finestra, ma la pioggia non accennava a cessare, anche le previsioni non lasciavano scampo: nuvole nere e fulmini, tutto il giorno. Accidenti, che fare?

E’ risaputo che gli anziani si svegliano presto e perciò ho chiesto aiuto alla vicina: facile ottenere un ombrello, impossibile evitare le sue chiacchiere. Alla fine, con la scusa del ritardo, sono riuscita a liberarmi.

Ieri, presa dell’entusiasmo, non ho percepito quello che oggi invece era evidente. Questo team per il prossimo mese sarà in formazione ridotta: iniziano le ferie per tutti o quasi e il tourn over avrà come presenza stabile in campo sempre la sottoscritta. Intendiamoci, mi sembra più che giusto, è proprio questo uno dei motivi per cui ho iniziato ora… però, che ansia!

Oggi sembrava che tutti fossero presi dall’agitazione, esclusa il mio capo. Risolveva i problemi con la stessa velocità con cui le venivano presentati.

A mensa ho conosciuto una tipa davvero simpatica, mi ha proposto, domani dopo il lavoro, un aperitivo con alcuni suoi amici in un lido, sul lago.

Speriamo smetta di piovere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.